Aumentare le entrate – preparare le finanze per la partenza (parte 3)

0

Se ti piace l'articolo condividilo con i tuoi amici !

Un’attività accessoria, oltre al normale lavoro, permette di aumentare le entrate raggiungendo più facilmente i nostri obiettivi. Se per di più questa attività può essere svolta anche durante la nostra crociera, questa ci farà acquisire una maggiore sicurezza finanziaria, nonché più flessibilità nell’affrontare le spese.

Grazie alla mia grande passione per la vela e ai contatti che ho instaurato con alcuni operatori, ho iniziato un’attività accessoria attiva nell’organizzazione di crociere e corsi di vela tramite il mio portale www.free-time-activities.com.
Oltre alle attività in mare, mi occupo pure della vendita di abbigliamento e accessori per la nautica, aiutando anche ad allestire la propria barca ai neo armatori. Queste attività mi permettono di aumentare le entrate mensili.

Questo portale ha inoltre un altro fine: farmi conoscere in modo tale che quando partirò potrò pubblicizzare il mio progetto. Il mio budget non mi permetterà di acquistare una barca nuova, ma  l’idea è quella di prenderne una (come per esempio il Moody 376) con delle belle cabine comode e spaziose per poter ospitare una o due coppie a bordo. Non voglio che diventi un business, perché comunque desidero godermi questa vita in barca senza troppe persone a bordo, ma ospitare una coppia a bordo per una settimana al mese significherebbe avere all’incirca un’entrata di 1’000 Euro, dimezzando le spese mensili preventivate. Se dovessi riuscire a prendere a bordo due coppie in una settimana, le spese mensili andrebbero interamente coperte.

Vedi gli altri articoli sull’argomento “finanze“.


Ultimo aggiornamento: Mar 12, 2018 @ 09:07

Share.

About Author

Libero professionista nel web design e nella consulenza informatica (LALU Solutions), appassionato di vela e amante delle vacanze un po’ fuori dal comune. Possiedo la patente d’altura senza limiti e finora ho navigato in Patagonia (Capo Horn e Canale di Beagle), nel Canale della Manica (Bretagna e Inghilterra), nel Mediterraneo (Adriatico, Tirreno, Ionio, Baleari, Alboran), nello Stretto di Gibilterra, alle Canarie e la TRANSAT dalla Martinica a Gibiliterra. La mia ultima esperienza mi ha portato nel mare della Tasmania e nell'Oceano Indiano, navigando da Whangarei in Nuova Zelanda su lungo la costa est dell'Australia fino a Darwin, da dove ho continuato per Cocos Islands arrivando a Mauritius. La vela mi permette di praticare altre due grandi passioni: viaggiare e fotografare. La strada è lunga e sicuramente non semplice, ma a piccoli passi sto cercando di raggiungere il mio obiettivo: riuscire ad acquistare una barca a vela e partire alla scoperta del mondo via mare.

Leave A Reply